PRONTO SOCCORSO
0574 594351

Dopo le ore 24:00
339-2001144

La Peritonite Infettiva Felina

La Peritonite Infettiva Felina, o FIP come è comunemente abbreviata, è un’infezione virale che colpisce il gatto spesso con esito letale.


L’agente responsabile è denominato Coronavirus Felino, è un virus molto sensibile che in assenza di portatori non resiste nell’ambiente per più di un giorno, è un ospite comune dell’intestino del gatto con il quale può convivere in modo del tutto asintomatico, è la sua mutazione, insieme ad un indebolimento delle difese immunitarie dell’ospite, che può indurre la comparsa della malattia in forma conclamata.

I fattori predisponenti la comparsa della malattia sono tre:

  1. età: sono colpiti più probabilmente animali giovani o anziani;
  2. ambiente: il sovraffollamento, come può avvenire in colonie o allevamenti, favorisce l’insorgenza;
  3. stress.

I sintomi con i quali la FIP si presenta sono: febbre, prostrazione, deperimento e disidratazione, ittero (colore giallastro delle mucose). Esistono poi sintomi tipici che caratterizzano i due tipi di Peritonite:

  1. forma umida: chiamata così per l’accumulo di liquido a livello di addome, pleura o pericardio, ha un decorso estremamente rapido portando il soggetto colpito a morte in poche settimane;
  2. forma secca: caratterizzata dall’accumulo di lesioni granulomatose a livello di reni, fegato, linfonodi, sistema nervoso centrale e organi annessi, ha un decorso più lento, da pochi mesi a due anni.

A causa delle sue caratteristiche, la diagnosi di FIP è quanto mai complicata, si può parlare di sospetto quando si riscontrano determinati rilievi analitici:

  1. anemia;
  2. alterazioni dei globuli bianchi quali neutrofilia e linfopenia;
  3. alterazioni biochimiche dipendenti dall’organo colpito;
  4. alterazioni dell’elettroforesi con aumento delle alfa-2 e delle gamma-globuline.

Una conferma diagnostica può essere data dall’analisi del versamento che si riscontra nella forma umida, tale secreto appare tipicamente giallastro, limpido, denso e può essere sottoposto a elettroforesi (aumento gamma-globuline), citologia o immunoistochimica (alta carica virale).

Per quanto riguarda la forma secca, l’unica diagnosi certa può essere fatta post-mortem, analizzando gli organi colpiti che presenteranno caratteristici depositi di fibrina e lesioni nodulari.

Le terapie ad oggi usate in caso di FIP non hanno mostrato grande efficacia, si basano principalmente sull’uso di sostanze ad attività immunomodulatrice, cortisoniche e non, e sull’uso di interferone.

Medicina d'urgenza del coniglio

Da qualche anno a questa parte la grande famiglia dei pet ha accolto il coniglio fra gli animali da compagnia più comuni. Questo ha spinto il medico veterinario ad affinare le proprie capacità cliniche nei confronti di una specie estremamente delicata e che necessita di cure attente e particolari.

Il diabete felino

Le forme di diabete che possono colpire i felini domestici sono molto simili al diabete di tipo II dell’uomo, la vera sfida nel trattamento di tale patologia è che il gatto risponde in modo peculiare alla somministrazione di insulina, dosaggi regolari di farmaco infatti possono essere comunque associati a fluttuazioni estremamente variabili della glicemia.

La cura del gattino orfano

Capita a volte di ritrovarsi a doversi occupare di un gattino rimasto orfano o abbandonato dalla madre, il compito è quanto mai delicato data l’estrema sensibilità di un organismo appena giunto alla vita.

Il ciclo estrale della gatta

Il gatto è una delle specie domestiche più prolifiche, la femmina infatti può portare a termine numerose gravidanze nello stesso anno, non a caso nell’Antico Egitto Bastet, dea della fertilità, aveva le sembianze di un felino.

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6