PRONTO SOCCORSO
0574 594351

Dopo le ore 24:00
339-2001144

Viaggiare con il proprio animale può essere una bellissima esperienza ma necessita un’accurata preparazione, scopriamo insieme i passi necessari per poter passare una piacevole vacanza a quattro zampe!


Per spostarsi all'interno della Comunità Europea, cani, gatti e furetti devono essere identificati per mezzo di un sistema elettronico di identificazione, microchip o trasponder, il numero del microchip va riportato sul passaporto dell'animale, rilasciato dai servizi veterinari dell'azienda sanitaria locale.

Il passaporto deve contenere:

  1. dati anagrafici;
  2. elenco di tutte le vaccinazioni effettuate dall'animale;
  3. visite mediche;
  4. eventuali trattamenti contro l'echinococco multilocularis (soltanto per talune destinazioni).

Tra le vaccinazioni è obbligatoria quella per la rabbia, effettuata su tutti i cuccioli di età superiore alle 12 settimane e anch’essa riportata sul passaporto.

I trattamenti per l’echinococco multilocularis sono richiesti per raggiungere la Finlandia, l’Irlanda, Malta, la Svezia e il Regno Unito e devono essere eseguiti entro un periodo non superiore a 120 e non inferiore a 24 ore prima della data prevista di entrata in uno degli Stati sopracitati.

Andiamo ora ad esaminare alcune raccomandazioni particolari relative alle varie modalità di viaggio:

  1. numerose compagnie aeree consentono il trasporto di animali, stabilendo arbitrariamente regole diverse, ad esempio, per la tipologia e le dimensioni del trasportino o per il numero degli animali accettati in cabina. I cani di media o grande taglia viaggiano, di solito, nella stiva all’interno di apposite gabbie. Il trasportino o la gabbia devono consentire all’animale di stare in posizione comoda e di muoversi. Prima di partire è bene consultare il proprio veterinario per capire se sia necessario somministrare all’animale  tranquillanti o antiemetici. Per ogni dubbio o richiesta particolare è necessario contattare direttamente le compagnie;
  2. con le principali compagnie ferroviarie italiane è possibile viaggiare con il proprio animale domestico sia in prima che in seconda classe, naturalmente l’accesso non è consentito nelle carrozze ristorante;
  3. molte compagnie di navigazione consentono l’accesso di animali a bordo, richiedendo spesso un semplice certificato di buona salute redatto dal medico veterinario. Anche in questo caso per ogni dubbio o richiesta particolare è necessario contattare direttamente le compagnie;
  4. se decidete di viaggiare in auto è meglio evitare le ore più calde della giornata, tenere l'animale a digiuno almeno 2 ore prima di iniziare il viaggio, portare la ciotola per l’acqua e un piccolo asciugamano per rinfrescare il vostro animale in caso di necessità, guidare il più dolcemente possibile per evitare mal d’auto o cinetosi, programmare soste regolari per consentire al cane di sgranchirsi le zampe e fare i propri bisogni.

Non esitate a contattarci per chiarimenti o dubbi!

  • La rogna demodettica

    Patologia infiammatoria parassitaria del cane, molto rara nel gatto, provocata da un acaro  che colonizza il mantello e l’epidermide del Leggi tutto
  • Coprofagia e pica

    Per pica si intende un disturbo che spinge l’animale ad ingerire oggetti non commestibili, una forma particolare è la coprofagia Leggi tutto
  • Sindrome urologica felina

    Con il termine sindrome urologica felina (FUS) è indicata un’affezione che coinvolge le vie urinarie del gatto con sintomi variabili. Leggi tutto
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7