PRONTO SOCCORSO
0574 594351

Dopo le ore 24:00
339-2001144

La vaccinazione è una delle pratiche mediche più importanti a cui dovrete sottoporre il vostro pet. Ma cosa si intende per vaccinazione?

Il vaccino è una sostanza che, iniettata nell’organismo, stimolerà il sistema immunitario e favorirà la protezione dello stesso da una o più malattie infettive.

I protocolli vaccinali usati per i nostri amici a quattro zampe prevedono una serie di vaccinazioni di base, contro malattie ad alto rischio per l’animale e per la salute pubblica, e alcune vaccinazioni accessorie, da effettuare solo in determinati casi.

Prima ancora di vaccinare il nostro animale è necessario valutarne lo stato di salute, è indispensabile infatti che tale pratica sia eseguita su di un soggetto sano e privo di infestazioni parassitarie, ecco perché prima di iniziare un protocollo vaccinale è fondamentale effettuare un esame delle feci ed eventualmente una sverminazione.

Il protocollo vaccinale del cane prevede una prima dose di vaccino eptavalente (efficace contro sette malattie quali Cimurro, Parvovirosi, Epatite Infettiva, Leptospirosi, infezioni da Adenovirus tipo 2 e Parainfluenza) da effettuare ai due mesi di età e da richiamare dopo un mese, in seguito l’immunità sarà mantenuta con richiami annuali.

Nel cane che debba recarsi in una zona in cui tale patologia è presente è obbligatorio effettuare anche la vaccinazione per la Rabbia, in tal caso il vaccino dovrà essere inoculato almeno un mese prima della partenza.

Il protocollo vaccinale del gatto, invece, prevede una prima dose di vaccino trivalente (contro tre malattie quali Panleucopenia, Rinotracheite e Calicivirosi) da effettuare ai due mesi di età e da richiamare dopo un mese, in seguito l’immunità sarà mantenuta con richiami annuali.

Nel gatto che frequenta l’esterno è consigliabile effettuare anche la vaccinazione per la Leucemia Felina, infezione che può essere contratta solo per contatto con un gatto malato, da richiamare dopo un mese ed in seguito annualmente.

Quali animali non è consigliabile vaccinare? Le femmine gravide, nelle quali il vaccino sarà somministrato dopo il termine dell’allattamento, i soggetti immunodepressi o quelli sottoposti a chemioterapia.

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6